Confcommercio - Pacchetto famiglia 50più
Confcommercio - Pacchetto famiglia 50più
Confcommercio - Pacchetto famiglia 50più

Strip banner rotator

INVERNIZZI

Adsense

Smog, Legambiente: “Sette province lombarde sono fuori legge”

MILANO   – Dopo qualche giorno di tregua, si torna a parlare di elevati livelli di smog nell’aria. Secondo i dati resi pubblici da Arpa, le centraline dell’agenzia regionale giovedì  hanno registrato il 35° giorno ammesso dalla normativa europea per il superamento del limite di 50 microgrammi per metro cubo di Pm10 a Mantova e Como.  

A lanciare l’allarme è ancora una volta Legambiente: “Da oggi i capoluoghi di provincia risultano fuori legge, così come Cremona, che segna il 46° giorno di sforamento da inizio anno, Milano il 43°, Pavia il 41°, Brescia il 38° e Monza il 36°”.

A Lecco, secondo le statistiche fornite dall’associazione ambientalista, si sono toccati i 24 giorni di sforamento.   A preoccupare, in particolare, sono i picchi registrati, ma anche i valori medi: Milano detiene la media peggiore in questi primi mesi del 2017, con 60microgrammi di polveri sottili per metro cubo d’aria.

“Si tratta di un dato estremamente allarmante per la salute dei cittadini – prosegue Legambiente –  se si considera l’impatto che ha l’inquinamento atmosferico in termini di patologie cardiovascolari, malattie dell’apparato respiratorio, tumori ai polmoni e sclerosi: come dimostrano i dati dello studio condotto nel 2012 dall’Università degli studi di Milano, con ogni aumento di 10 microgrammi di Pm10 si registra una crescita della mortalità dello 0,30% in Lombardia”.

 

“La buona notizia è che qualcosa si può fare e da subito, senza aspettare che lo stato di emergenza sia dichiarato, per alleviare la cappa di smog in cui siamo avvolti: tutto merito della primavera anticipata che, grazie all’alta pressione e alle temperature miti, consente di fare a meno del riscaldamento domestico, fonte primaria di emissioni insieme al traffico – continua l’associazione –  I cittadini di Milano, per esempio, devono ringraziare un fenomeno che in estate rende estremamente sgradevole la permanenza in città, ovvero l’isola di calore urbana, che in questi giorni è particolarmente significativa. Nella giornata di giovedì 16 marzo la temperatura minima a Milano città è stata di 10°C e la massima 19,5 °C, mentre appena fuori città le temperature minime registrate erano di 4,5° C e le massime erano di 19°C [fonte: elaborazione Legambiente su dati www.centrometeolombardo.com]. Nei prossimi giorni, e almeno fino alla metà di settimana prossima, le temperature dovrebbero ulteriormente aumentare, giustificando, anche fuori città, il completo spegnimento delle caldaie”.

Print Friendly

18 marzo 2017 — 15:09 / Ambiente, Fuori provincia
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore