Tutto Cialde
Tutto Cialde
Tutto Cialde

Strip banner rotator

INVERNIZZI

AUTOSIM RATTI

AVIS

Non solo teatro, la sala di via Foscolo “nuovo polo della cultura”

L’assessore Simona Piazza insieme ad Elena Scolari nella serata di presentazione di SCultura

 

LECCO – Teatro, incontri, cinema, musica, laboratori e corsi: ad un anno dalla sua apertura, la sala di via Ugo Fosco è più vivo che mai di iniziative culturali, grazie all’incontro tra Teatro Invito e diverse associazioni della città che, insieme, hanno dato il via ad una ricca rassegna di appuntamenti, al via già dalle prossime settimane.

“SCutura” è il titolo che da il nome al calendario, Spazio Cultura Lecco, e che vedrà sul palco dell’auditorium gli attori di Teatro Invito, i cinefili della Dinamo Culturale con una rassegna dedicata al cinema, Les Cultures con gli incontri sul viaggio e l’intercultura, infine il Cerchio Tondo con il loro teatro di figura dedicato alle famiglie.

Simona Piazza e Elena Scolari

 

“La proposta agli spettatori quest’anno non si ferma alla stagione teatrale, abbiamo voluto proporre un progetto più ampio – ha spiegato Elena Scolari di Teatro Invito, presentando giovedì sera la rassegna – vogliamo che questo sia uno spazio aperto e un punto di riferimento per la città e per le associazioni che la animano, aperto ai diversi gusti del pubblico, per dare forma e vita ad un luogo nuovo”.

L’ingresso dell’Auditorium in via Ugo Foscolo

 

Uno spazio rimasto inutilizzato per oltre un decennio, recuperato ed oggi coordinato da Teatro Invito, associazione teatrale fondata a Lecco nel 1986 e promotrice di note rassegne quali ‘Ultima Luna d’Estate e ‘I Luoghi dell’Adda” , che ha vinto il bando promosso dal Comune di Lecco per la sua gestione.

“Ringrazio Teatro Invito per il coraggio dimostrato partecipando alla gara che ci ha portato oggi ad avere uno spazio importante per la città, soprattutto ora che il Teatro della Società è chiuso per i lavori di restauro. Questo è il nuovo polo della cultura – ha sottolineato l’assessore Simona Piazza – e la rete di associazioni che gravitano intorno a questo luogo lo dimostra. Ognuno mette il proprio tassello. E’ una città si sta muovendo, prende coscienza dell’importanza di rigenerare gli spazi”.

Simona Scolari e Giulio Sangiorgio di Dinamo Culturale

 

Un luogo “che crea sinergia – ha spiegato Giulio Sangiorgio di Dinamo Culturale – il problema del modo associativo lecchese era quello di essere dispersivo, serviva un punto d’incontro”.

 

IL PROGRAMMA DELLA RASSEGNA

Print Friendly, PDF & Email

19 ottobre 2017 — 10:46 / Cultura, Lecco
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore