Tutto Cialde
Tutto Cialde
Tutto Cialde

Strip banner rotator

INVERNIZZI

BCC

AVIS

Lario Reti: “Con la fusione si avranno fino a 500 mln per investimenti”

LECCO / MILANO – Un margine operativo lordo tra i 90 e i 120 milioni di euro e un piano di investimenti sul territorio che tra il 2017 e il 2021 potrà toccare i 500 milioni di euro: sono questi i dati resi noti da Lario Reti Holding dallo studio di fattibilità sulla fusione che potrebbe concretizzarsi nella prossima primavera con ACSM-AGAM di ASPEM, AEVV, ACEL SERVICE, AEVV ENERGIE e LARIO RETI GAS quindi con la nascita della cosiddetta Multi-utility del Nord.

“ACSM-AGAM post-operazione si configurerebbe come un player quotato, a maggioranza pubblica, supportato da A2A, partner industriale di profilo nazionale – spiegano da Lario Reti Holding – Previsioni statutarie e dettagli di governance sono in fase di definizione anche per tenere conto degli obiettivi dei soci. Statuto e patto parasociale consentiranno il consolidamento della realtà aggregata da parte di A2A”.

Spetterà ora ai singoli consigli comunali dei Comuni, che partecipano a queste società, esprimersi in merito all’operazione.

“Le proiezioni di evoluzione del risultato netto della realtà aggregata ipotizzano una politica di dividendi in potenziale crescita – spiegano dalla holding lecchese, che precisa – Le informazioni previsionali hanno natura preliminare in considerazione della tipologia dei business e dei contesti di gara e di naturale competizione in cui operano i mercati di riferimento. Tali dati previsionali, inoltre, sono stati ricavati da una base di calcolo non omogenea in quanto le Parti sono al momento soggette a principi contabili tra loro non uniformi”

Il piano industriale è giudicato come valido. “Ad oggi – sottolinea ancora LRH – non è stato sottoscritto alcun documento contrattuale vincolante tra le Parti e non vi è, pertanto, certezza circa il perfezionamento dell’operazione che dovrà essere approvata dai Consigli Comunali interessati nonché dai competenti organi sociali delle parti coinvolte, ivi compreso dal Comitato delle Operazioni con Parti Correlate di ACSM-AGAM, il quale dovrà rilasciare il proprio parere sull’operazione, e sempre previo completamento delle attività di due diligence, ancora in corso, e il rilascio della fairness opinion del proprio advisor; quanto ad A2A, la stessa valuterà l’opportunità di avvalersi dell’esenzione di cui all’articolo 14 del Regolamento Consob recante disposizioni in materia di operazioni con parti correlate”.

Print Friendly, PDF & Email

6 dicembre 2017 — 17:35 / Economia
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore