Tutto Cialde
Tutto Cialde
Tutto Cialde

Strip banner rotator

INVERNIZZI

AUTOSIM RATTI

AVIS

Referendum, il no dei 5 Stelle spiegato da Toninelli e Casalino

germanedo-referendum-ragioni-del-no-78

LECCO – Sono stati il parlamentare Danilo Toninelli e il consigliere regionale Eugenio Casalino ospiti della serata organizzata dal Movimento 5 Stelle lecchese a Germanedo, presso la Sala Civica: argomento della serata le ragioni del No al referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre.

In tanti hanno voluto presenziare alla serata, moderata dal consigliere pentastellato Massimo Riva: non solo attivisti, ma cittadini che hanno voluto informarsi.

“Ringrazio i nostri ospiti per essere entrati nel merito della riforma, dopo aver spiegato da dove nasce, smontandola punto per punto. Dall’analisi è emerso ancora una volta e chiaramente che la riforma proposta non va votata, è colma di criticità e rischi che nel testo sembrano innocui ma poi si trasformano in bombe per i cittadini”.

germanedo-referendum-ragioni-del-no-76

Preso ad esempio la riforma del titolo quinto: “Finirebbe per prevalere una logica centralista e i cittadini verrebbero allontanati dai servizi che li coinvolgono in prima persona” ha detto Riva, focalizzandosi poi sul “presunto” superamento del Senato: “Non verrà superato davvero ma resterà con funzioni meno chiare e più complicate. Il Senato proposto con la riforma costituzionale è fatto su misura per impedire la governabilità del paese qual ora un partito che non sia il PD non possa governare”.

Anche sui risparmi la perplessità dei 5 stelle: “Dal miliardo siamo passati a una stima di 500 milioni, a conti fatti invece è emerso che si arriverà a malapena 50 milioni: una cifra che onestamente non vale lo sventramento della Costituzione. A quel punto tanto varrebbe votare la proposta di legge presentata in Parlamento da noi 5 Stelle per dimezzare lo stipendio ai parlamentari, si parlerebbe di 61 milioni”.

germanedo-referendum-ragioni-del-no-77L’attività di informazione dei 5 Stelle proseguirà nelle prossime settimane in piazza con banchetti e gazebi: “Penso che l’interesse vero e proprio arriverà a ridosso dell’evento, nel nostro piccolo noi faremo quello che possiamo e cercheremo di informare al meglio i cittadini. Noi siamo ancora più convinti, alla riforma diciamo no” ha concluso Riva.

Print Friendly, PDF & Email

22 ottobre 2016 — 12:53 / Lecco, Politica
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore