Confcommercio Lecco
Confcommercio Lecco
Confcommercio Lecco

Strip banner rotator

INVERNIZZI

PROMESSI SPOSI

AVIS

I consigli della Personal Shopper. Lo stile parigino

Charlotte Gainsbourg

RUBRICA – Da sempre le donne parigine hanno dimostrato di avere quel “non so che” caratteristico dello stile francese, chic ma senza sfarzo e senza ostentazioni, un’allure naturale che le fa sembrare uscite da casa senza badare troppo a cosa indossare ma, in realtà, non è così. E’ uno stile insito nel loro DNA, tramandato da madre in figlia, una tradizione borghese che perdura nel tempo, imparando ad essere raffinate e stilose senza fare troppa fatica. A partire dal XIX secolo, la borghesia ha sedimentato i propri codici, ispirata ad un’aristocrazia oramai in decadenza ma, ancora capace di indignarsi nei confronti degli arricchiti, i “parvenu” , coloro che raggiungevano una posizione sociale elevata dal punto di vista economica ma senza aver acquisito le maniere e la cultura necessaria per far parte della vera elite, gli stessi che oggi gli aristocratici francesi chiamo “bling”.

Abbiamo ammirato tutti l’acconciatura spettinata di Vanessa Paradis, i jeans consumati di Charlotte Gainsbourg (degna figlia di Jean Birkin, per intenderci…), le ballerine e le camicie maschili di Ines De La Fressange. La donna francese sa essere più sobria nelle scelte del guardaroba rispetto alle glitterate e sofisticate italiane, alla stravaganti inglesi ed alle emulatrici americane, tirate a lucido dal momento in cui si svegliano la mattina, già vestite come se dovessero sfilare sul red carpet. Le francesi non si complicano la vita, la loro eleganza non fa rima con teatralità. Molti le trovano anonime, ma perché non hanno occhio per i dettagli, il loro vero punto di forza. Le francesi hanno una semplicità intrinseca, visibile anche dal perfetto abbinamento tra scarpe e borsetta, sanno giudicare e scegliere i giusti volumi e proporzioni.

Chiara Mastroianni

Fare sfoggio di denaro è volgare, ecco perché le muse ispiratrici della moda francese continuano a preferire look borghesi, Chiara Mastroianni (figlia di Marcello e della splendida Catherine Deneuve….. scusate se è poco), Audrey Tautou, Francoise Hardy, Isabel Marant, possiamo affermare che nessuna di loro si fa notare per la sua stravaganza, ben lontani da Paris Hilton, Katy Perry, Courtney Love. Una francese non si abbandona alla vanità, rimane sempre “so fresh” come dicono gli americani.

La donna francese non ha paura di uscire di casa senza blush o senza smalto, senza trucco e con il bambino in braccio, malgrado questa finta ed apparente non curanza, sa bene come rimanere sempre elegante. Questo lato un po’ selvaggio, ha contribuito al successo sin dagli anni ‘50 di Brigitte Bardot e non passa mai di moda. La francese sa essere indulgente con il passare degli anni, con le rughe e la decadenza fisica, senza accanirsi troppo a combatterlo, ed agli eccessi della buona tavola, un buon piatto deve sempre essere accompagnato da un buon bicchiere di vino ma senza esagerare, il suo motto è: Il troppo stroppia, specialmente se è buono.

Come seguire il loro esempio? Non è difficilissimo, innanzitutto non bisogna mascherarsi, non bisogna strafare e nemmeno copiare, bisogna solo liberarsi da convenzioni restando comunque eleganti. E’ necessario capire chi siamo attraverso una ricerca introspettiva, senza mentire a noi stesse per poi puntare sul proprio stile personale, ma solo ed esclusivamente su quello in cui ci si riconosce, quello in cui ad emergere è il nostro sé reale. Studiatevi il vostro look magari da riviste e blog che si allineano alla vostra sensibilità, osservate gli stili che più vi attirano nei film e cercate di capire cosa vi colpisce di più, lo scopo non è quello di emulare l’attrice, ma quello di affinare l’occhio critico. Specchiatevi ma nel modo più naturale possibile, focalizzandovi sui vostri punti di forza e non sui difetti. Non pensate che portare delle scarpe basse vi faccia sembrare tozze e, prima di scartare un colore, provatelo, soprattutto se avete preso l’abitudine di nascondervi in un monotematico nero. Se desiderate un cambiamento radicale, conquistatelo a piccoli passi, cominciate da una base classica, aggiungete gli accessori, colori e fantasie. Ci prenderete gusto e avrete voglia di continuare. Fate il giro dei negozi con la vostra amica, non la più fashion ma con quella che ha più gusto e confidenza con la moda, a volte sono le migliori sedute di psicoanalisi.

Audrey Tautou

Liberatevi da cliché vecchi ed obsoleti, come per esempio: L’animalier è da escort, lo slim è per le magre, i sabot sono orribili, la marinaretta è da nonne, il velluto è da maestrina, le donne alte non devono portare il tacco, quelle basse non devono mettere le ballerine etc, tutto ciò blocca fortemente e contribuisce a confondere nella ricerca dello stile personale.

La moda è una cosa molto intima, tutte le donne aspirano ad essere uniche ma, poi finiscono per acquistare tutte le stesse cose perché più rassicurante, non contando però che, il vero prezzo da pagare sarà quello di perdersi nella massa, penalizzando, anzi, annullando completamente il proprio stile e la propria identità. Il leopardato è volgare solo se il tessuto è “cheap” e indossato male, le donne francesi lo amano e lo sanno portare divinamente. Non è vero che il nero sta bene con tutto, anche se le commesse ce lo ripetono quando siamo indecise sull’acquisto, il nero non sta meno bene di un bel bordeaux, di un grigio antracite o di un rosso scuro ed intenso.

La donna francese ama il maglione a V in cashmere indossato direttamente sulla pelle, sopra una gonna a tubo, o abbinato ad una sobria camicia bianca abbottonata fino al collo, con dei jeans o con un pantalone di tweed. Ama i foulard, in lana o in seta legati al collo, le maglie a righe orizzontali, le ballerine, quelle classiche in pelle con la suola sottile, il giubbotto di pelle vissuto. Ama il giaccone da marinaio, cioè il caban, confezionato in lana spessa e grezza proprio come l’originale. Porta i trench a tutte le ore del giorno e della sera, i jeans bianchi e quelli rossi, i blazer oppure la giacca dello smoking abbinata ai blue jeans per le serate con gli amici. E poi ancora i parka, gonne e pantaloni in pelle, i cappottini sartoriali minimal e le borse a tracolla. Sa interpretare il vintage e lo porta con naturalezza, accompagnato da pezzi iconici del nostro tempo. Credo che molte donne italiane dovrebbero prendere esempio, lo stile parigino è una filosofia di vita, quella dell’autenticità e della consapevolezza di essere femminili e sexy anche con le salopette i guantoni e gli stivali di gomma mentre si fa giardinaggio.

 

Maria Cristina Giordano
Consulente d’Immagine e Personal Shopper
info@mariacristinagiordano.it
www.mariacristinagiordano.it
Blog: cosimipiaccio!.blogspot.com
Profilo Facebook

ARTICOLI PRECEDENTI

29 marzo – I consigli della Personal Shopper. Le tendenze della prossima estate!

6 marzo – I consigli della Personal Shopper. Gli abiti che hanno segnato la moda del ‘900 – @2

24 gennaio – I consigli della Personal Shopper. Gli abiti che hanno segnato la moda del ‘900 – @1

9 dicembre – I Consigli della Personal Shopper. Vigilia, Natale e Capodanno: come vestirsi?

9 novembre – I Consigli della Personal Shopper. Cosa mettere al primo appuntamento?

12 settembre – I consigli della Personal Shopper. Autunno/ inverno 2016-17: tuffo nel passato

19 luglio – I consigli della Personal Shopper. Scarpe, quale mettere? 2^ Puntata

15 giugno – I consigli della Personal Shopper. Scarpe, quale mettere? 1^ Puntata

5 maggio – I consigli della Personal Shopper… per le Taglie Forti

29 febbraio – I consigli della Personal Shopper. Le tendenze Primavera/Estate 2016

31 gennaio – Personal Shopper. Colloquio di lavoro? I consigli su cosa indossare

5 gennaio – I consigli della Personal Shopper. E’ tempo di Saldi… ma attenzione

 

ANNO 2015

7 dicembre – I consigli della Personal Shopper. Gioielli: i segreti per essere originali @2

4 novembre – I consigli della Personal Shopper. Gioielli: i segreti per essere originali @1

6 ottobre –  L’uomo come si deve vestire? Scopriamolo

11 settembre –I trend della moda per la prossima stagione!

4 agosto –  Come preparare la valigia

14 luglio – Matrimonio, come vestirsi?

22 giugno – La scelta del look in spiaggia

30 maggio – Vintage, perchè piace tanto?

11 maggio – Outlet, davvero convenienti?

18 aprile – Abito da sposa, quale scegliere?

27 marzo – La borsa: migliore amica della donna

6 marzo – Le tendenze dell’Estate 2015

10 febbraio – Il Tailleur: quando e come

23 gennaio –  Con Maria Cristina Giordano nasce la rubrica “I consigli della Personal Shopper”

Print Friendly

7 giugno 2017 — 11:49 / I consigli della Personal Shopper
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore