Tutto Cialde
Tutto Cialde
Tutto Cialde

Strip banner rotator

INVERNIZZI

AUTOSIM RATTI

AVIS

“L’Italia nel bicchiere”. Che caldo: è il momento di concedersi un Prosecco

RUBRICA – Che caldo ragazzi! Con questo clima non mi sento di biasimare chi sceglie di dissetarsi con qualche bevanda alternativa al vino, ma per i fedelissimi  potrebbe essere momento ideale per concedersi un bel Prosecco.

Vino simbolo del “made in Italy”, esportato in tutto il mondo per alcune decine di milioni di bottiglie, in questi anni ha avuto un ruolo fondamentale anche sul mercato interno e si è ritagliata la fama di bollicina fine, piacevole, economica, utilizzabile in molteplici situazioni, dall’aperitivo al “tutto pasto” o in qualsiasi evento o cerimonia.

Da operatore e professionista del vino devo purtroppo segnalare che sulla scia del successo che sta avendo il Prosecco, si sta speculando non poco sulla qualità e si trova in giro davvero un po’ di tutto.

Trovo quindi doveroso fare alcuni chiarimenti soprattutto in relazione alle recenti modifiche ai disciplinari DOCG e DOC che ne regolano la produzione.

Il Prosecco è un vino bianco che può essere prodotto nelle versioni fermo (molto raramente), frizzante e spumante. Il vitigno di riferimento viene chiamato in loco “Glera” e dovrà essere utilizzato per almeno l’85%; per il restante 15% sono utilizzabili sia vitigni autoctoni storici come Verdisio e Bianchetta sia uve internazionali come Pinot b.co e Chardonnay.

Le ultime fondamentali modifiche al disciplinare sono state apportate nel 2014 allorché si sono volute differenziare le zone storicamente più vocate con la  qualifica di “Superiore” e l’ottenimento della DOCG. Queste zone sono  Valdobbiadene e Conegliano, in l’aggiunta al mitico “Cartizze”, e poi Asolo o Colli Asolani. Per il resto è stato ampliato di molto il territorio della DOC inserendo zone distribuite in ben 9 province tra Veneto ( TV.BL.VI.VE.PD) e Friuli (PD.TS.UD.GO). Considerando che sono consentite rese piuttosto generose di 135 q.li /ha per le DOCG (120 per il Cartizze) e 180 q.li / ha  per le DOC , si può intuire l’ampiezza e l’importanza del fenomeno Prosecco.

La versione “Spumante” è sicuramente la più diffusa sul mercato nelle tipologie “Extra Dry” e “Brut” che si differenziano per il residuo zuccherino che va da 12 a 20 gr./lt. per il primo e sotto i 12 gr./lt. per l’altro.

Per la versione “Frizzante” c’è da segnalare che è stato vietato l’utilizzo del “tappo a fungo” per cui non c’è più pericolo di confonderlo.
I prodotti sul mercato sono davvero tantissimi, nella grande distribuzione nelle enoteche e negli esercizi pubblici si possono trovare dei vini
dignitosi a prezzo contenuto e diciamo pure che la qualità pur non essendo eccellente è comunque livellata. Gli eccessi ed i costi ingiustificatamente elevati li si riscontrano soprattutto nel Cartizze, che è comunque un Prosecco spumantizzato in autoclave, per alcuni marchi storici delle zone qualificate a DOCG o per produttori emergenti ben recensiti dalle varie guide come Ruggeri, Follador o Sorelle Bronca.

Personalmente mi sono posto dei limiti di spesa perchè il vino stesso  ha dei limiti che generalmente non vanno oltre la piacevole facilità di beva e non lo dico perchè lo ritengo un vino “popolare” ma perché recentemente, fra eventi, fiere e corsi di degustazione, ne avrò assaggiati almeno una ventina di tutti i prezzi e tipologie e quindi me ne sono fatto un’idea.

Piuttosto si faccia maggior attenzione alla tipologia: chi ama gli spumanti secchi si orienti sulle versioni “Brut” perchè gli “Extra Dry” possono risultare fin troppo dolciastri e stucchevoli. Il Cartizze lo si può trovare addirittura nella versione “Dry” con residuo zuccherino attorno ai 30 gr/lt., forse più adatto ad una torta di mele che ad una serie di stuzzichini da aperitivo.

Tra i tanti Prosecchi degustati recentemente mi sono piaciuti  il Treviso DOC “Rustico” brut di Nino Franco, semplicemente da manuale, l’Asolo Superiore DOCG “Couvè Indigene” brut Loredan Gasparini ed il Valdobbiadene superiore DOCG extra dry Borgo Molino,  tutti prodotti centrati nella tipologia, nella qualità, nel costo senza  cadere nella mediocrità.

Tra i prodottini destinati alla quotidianità posso citare il Treviso Doc Casa Bianca brut Venegazzù ed il Prosecco DOC frizzante della cantina Colli Vicentini, territorio di recente acquisizione.

Spero di non essere stato troppo critico, ho fatto solo un tentativo di far rientrare questo gradevolissimo vino nella sua reale dimensione e
vi confesso che stasera con una fresca insalata vegetariana di pasta e verdure di stagione mi stapperò una bella bottiglia di Prosecco frizzante
(piace tanto anche a mia moglie).

Assaggiare per credere Roberto Beccaria

ARTICOLI PRECEDENTI

6 giugno – “L’Italia nel bicchiere”. Alla scoperta del Cirò di Calabria

16 maggio – “L’Italia nel bicchiere”: un “tuffo” nei vini maremmani

27 aprile – L’Italia nel Bicchiere. Vin Nobile di Montepulciano: mostro sacro del vino italiano

11 aprile – L’Italia nel bicchiere. “Pas Dosè”, lo spumante che piace sempre più

11 marzo – L’Italia nel bicchiere. Il Nero d’Avola: un vino da scoprire

 

2016

12 dicembre – “L’Italia nel bicchiere”. Natale a tavola: ecco quali vini scegliere

15 novembre – L’Italia nel bicchiere. Il mondo degli “uvaggi” e le sue eccellenze

18 ottobre – L’Italia nel bicchiere. I vini dell’Etna, un’eruzione di bontà

26 settembre – “L’Italia nel bicchiere”. Lagrein, dall’Alto Adige un “Signor” rosso

7 settembre – L’Italia nel bicchiere. Una carrellata di vini bianchi italiani tutti da scoprire

13 agosto – L’Italia nel bicchiere. Grigliata di Ferragosto? Ecco che vini abbinare

18 luglio – L’Italia nel bicchiere. Un vino per l’estate? Il Lugana

28 giugno – “L’Italia nel bicchiere”. Al Griso con Popo Mojoli per un viaggio (di)vino

7 giugno – L’Italia nel bicchiere. Un’escursione tra i vini della Valtellina

21 maggio – “L’Italia nel Bicchiere”. Oggi si stappa il Sauvignon blanc

22 aprile – “L’Italia nel bicchiere”. I bianchi della Valle Isarco

1 aprile – L’Italia nel bicchiere. Merlot: uva straordinaria e internazionale

15 marzo – L’Italia nel bicchiere. Alla scoperta dei vini di Sardegna

17 febbraio – L’Italia nel Bicchere. Spazio ai vini rossi frizzanti!

20 gennaio – L’Italia nel bicchiere. L’Aglianico, il “Nebbiolo del Sud”

4 gennaio – “L’Italia nel bicchiere”. Il Moscato d’Asti a fermentazione naturale

 

2015

9 dicembre – Feste vicine, qualche suggerimento “da bere”

5 novembre – L’Italia nel bicchiere. Alla scoperta dell’ottimo Montepulciano

16 ottobre – L’Italia nel Bicchiere. Vitigni e vini del meraviglioso Friuli

30 settembre – L’Italia nel bicchiere. Meglio l’Amarone o lo Sfurzat?

15 settembre – L’Italia nel bicchiere. Un viaggio tra i Supertuscans

2 settembre – L’Italia nel bicchiere. Scopriamo lo Chardonnay: l’uva più coltivata al modo

30 luglio – “L’Italia nel bicchiere”. Scopriamo gli abbinamenti vino – formaggio

17 giugno – “L’Italia nel bicchiere”. “Garganega: un gioiello di uva”

3 giugno – L’italia nel Bicchiere. Spezziamo una lancia a favore dei Rosati

24 maggio – L’italia nel Bicchiere. Viaggio tra i vini bianchi dell’Alto Adige

9 maggio – L’Italia nel bicchiere. Viaggio in Toscana alla scoperta del Chianti

21 aprile – “L’Italia nel bicchiere”. Parliamo di Barbera o, meglio, de’ La Barbera

1 aprile – L’Italia nel bicchiere. il Primitivo e il Negroamaro

26 marzo – L’Italia nel bicchiere. “Bollicine” italiane

24 febbraio – Viaggio nel mondo dei Passiti

13 febbraio – Il riscatto dei “Vitigni Poveri”

27 gennaio – Oggi con Roberto Beccaria parliamo del Nebbiolo

16 gennaio – Vino protagonista. “L’Italia nel bicchiere”, nuova rubrica di Roberto Beccaria

Print Friendly, PDF & Email

27 giugno 2017 — 14:48 / L'Italia nel bicchiere
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore