Confcommercio - Pacchetto famiglia 50più
Confcommercio - Pacchetto famiglia 50più
Confcommercio - Pacchetto famiglia 50più

Strip banner rotator

INVERNIZZI

Adsense

L’Italia nel bicchiere. “Pas Dosè”, lo spumante che piace sempre più

RUBRICA – Ciao a tutti, sono appena rientrato da Verona dove, anche quest’anno, ho partecipato al Vinitaly, appuntamento imperdibile per operatori e degustatori.

Non sono mancati certo gli spunti per parlavi di qualche buon vino ma siccome nel viaggio di ritorno ho fatto tappa in Franciacorta, ospite della meravigliosa azienda Villa di Monticelli Brusati , colgo l’occasione per parlarvi dello spumante classico “Pas Dosè”, una tipologia di spumante in continua ascesa, soprattutto nelle preferenze degli intenditori di bollicine.

Il termine “pas dosè”, fa parte della terminologia in lingua francese riferita alla produzione dello Champagne poi adottata anche da noi per gli spumanti Metodo Classico, significa “non dosato”, per cui allo spumante in questione non verrà fatta alcuna aggiunta di  quella misteriosa miscela chiamata “liqueur d’expedition” (dosage) prima della tappatura definitiva.

La produzione di uno spumante Metodo Classico è molto complessa ed elaborata ma cercherò di sintetizzarla nei passaggi fondamentali: si parte da una vendemmia piuttosto precoce delle uve allo scopo di ottenere dei vini poco alcolici e freschi d’acidità che andranno a  comporre la base spumante .
Questo procedimento viene chiamato “elaborazione della couvé” e consiste nell’assemblare diversi vini, anche di annate diverse.

Qualora la couvè è ottenuta con una selezione di vini di un’unica annata (millesimo) si produce quello che in gergo è chiamato “millesimato”.

Andiamo avanti: per ottenere la presa di spuma si aggiungono alla couvè mediamente 20/22 gr/ lt di zucchero e fermenti selezionati per innescare una rifermentazione con conseguente lento sviluppo di anidride carbonica.

Ogni singola bottiglia viene riempita, tappata ermeticamente con un tappo a corona provvisorio e posizionata orizzontalmente in un luogo fresco e buio della cantina dove si concretizzerà la presa di spuma.
A rifermentazione completata il residuo andrà a depositarsi sulla pancia della bottiglia dando inizio ad un lungo periodo di “maturazione sui lieviti” che in genere dura alcuni anni.

Quando sarà il momento di mettere il prodotto sul mercato si procede con una serie di lavorazioni che terminerà prima con la “sboccatura”, per eliminare il sedimento, poi col “dosaggio” con la “liqueur d’expedition” che andrà a sostituire il poco liquido espulso e conferire allo spumante morbidezza, equilibrio e complessità.
Questo dosaggio determinerà pure la tipologia di spumante, classificato in base al residuo zuccherino: Extra brut, Brut, Extra Dry, Dry e Demi sec.

Nel caso del “Pas Dosè”, lo spumante espulso insieme al sedimento con la sboccatura, verrà semplicemente sostituito dallo stesso prodotto quindi, non essendoci possibilità di ritoccarlo o ammorbidirlo, emergeranno la qualità del vino-base ed il gusto particolarmente secco e deciso.

Quasi la totalità dei Pas dosè sono degli Extra brut millesimati con un residuo zuccherino da 1 a 3 mg / lt , e la loro piacevolezza dovrà essere attribuita esclusivamente alla qualità e all’equilibrio della base spumante che, non avendo la possibilità di  essere “aggiustata” con la liqueur d’expedition, dovrà essere molto curata in partenza.
Infatti, per molti produttori il pas dosè è il “fiore all’occhiello” dell’azienda a dimostrazione che la bontà del prodotto e data dal vino, non dalle aggiunte finali.

Sul mercato, i pas dosè più famosi, anche perché sono stati i primi a produrli, sono stati i Franciacorta “Dosage Zero” di Cà del Bosco ed il “Pas Operè” di Bellavista poi, piano piano si sono affermati altri prodotti non solo franciacortini a prezzi meno indecenti.

Recentemente ho assaggiato dei Trento DOC molto interessanti, primo fra tutti il millesimato riserva 2009 di Letrari, ma anche il Durello dei Lessini 2011 di Fongaro o il Lugana 2013 di Zenato. Nella Franciacorta la moda dei pas dosè è addirittura esplosa (ma c’è in giro un po’ di tutto) ed io mi sento di segnalarvi solo quelli che mi sono piaciuti davvero come il Nefertiti DZ 2009 di Vezzoli, il “Diamant” 2010 di Villa o il “Pas Rosè” rosè 2010 di Il Mosnel 70% pinot nero.

Personalmente non sono un fanatico del Pas Dosè, però devo ammettere che quando è buono ha un fascino particolare, se poi lo si assaggia in compagnia  di ottimi amici dopo una giornata al Vinitaly, letteralmente “coccolati” da Roberta Bianchi e Paolo Pizziol titolari dell’Az Villa, ha proprio il valore di un “Diamant”.

Assaggiare per credere
Roberto Beccaria

ARTICOLI PRECEDENTI

11 marzo – L’Italia nel bicchiere. Il Nero d’Avola: un vino da scoprire

 

2016

12 dicembre – “L’Italia nel bicchiere”. Natale a tavola: ecco quali vini scegliere

15 novembre – L’Italia nel bicchiere. Il mondo degli “uvaggi” e le sue eccellenze

18 ottobre – L’Italia nel bicchiere. I vini dell’Etna, un’eruzione di bontà

26 settembre – “L’Italia nel bicchiere”. Lagrein, dall’Alto Adige un “Signor” rosso

7 settembre – L’Italia nel bicchiere. Una carrellata di vini bianchi italiani tutti da scoprire

13 agosto – L’Italia nel bicchiere. Grigliata di Ferragosto? Ecco che vini abbinare

18 luglio – L’Italia nel bicchiere. Un vino per l’estate? Il Lugana

28 giugno – “L’Italia nel bicchiere”. Al Griso con Popo Mojoli per un viaggio (di)vino

7 giugno – L’Italia nel bicchiere. Un’escursione tra i vini della Valtellina

21 maggio – “L’Italia nel Bicchiere”. Oggi si stappa il Sauvignon blanc

22 aprile – “L’Italia nel bicchiere”. I bianchi della Valle Isarco

1 aprile – L’Italia nel bicchiere. Merlot: uva straordinaria e internazionale

15 marzo – L’Italia nel bicchiere. Alla scoperta dei vini di Sardegna

17 febbraio – L’Italia nel Bicchere. Spazio ai vini rossi frizzanti!

20 gennaio – L’Italia nel bicchiere. L’Aglianico, il “Nebbiolo del Sud”

4 gennaio – “L’Italia nel bicchiere”. Il Moscato d’Asti a fermentazione naturale

 

2015

9 dicembre – Feste vicine, qualche suggerimento “da bere”

5 novembre – L’Italia nel bicchiere. Alla scoperta dell’ottimo Montepulciano

16 ottobre – L’Italia nel Bicchiere. Vitigni e vini del meraviglioso Friuli

30 settembre – L’Italia nel bicchiere. Meglio l’Amarone o lo Sfurzat?

15 settembre – L’Italia nel bicchiere. Un viaggio tra i Supertuscans

2 settembre – L’Italia nel bicchiere. Scopriamo lo Chardonnay: l’uva più coltivata al modo

30 luglio – “L’Italia nel bicchiere”. Scopriamo gli abbinamenti vino – formaggio

17 giugno – “L’Italia nel bicchiere”. “Garganega: un gioiello di uva”

3 giugno – L’italia nel Bicchiere. Spezziamo una lancia a favore dei Rosati

24 maggio – L’italia nel Bicchiere. Viaggio tra i vini bianchi dell’Alto Adige

9 maggio – L’Italia nel bicchiere. Viaggio in Toscana alla scoperta del Chianti

21 aprile – “L’Italia nel bicchiere”. Parliamo di Barbera o, meglio, de’ La Barbera

1 aprile – L’Italia nel bicchiere. il Primitivo e il Negroamaro

26 marzo – L’Italia nel bicchiere. “Bollicine” italiane

24 febbraio – Viaggio nel mondo dei Passiti

13 febbraio – Il riscatto dei “Vitigni Poveri”

27 gennaio – Oggi con Roberto Beccaria parliamo del Nebbiolo

16 gennaio – Vino protagonista. “L’Italia nel bicchiere”, nuova rubrica di Roberto Beccaria

Print Friendly

11 aprile 2017 — 09:24 / L'Italia nel bicchiere
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore