Tutto Cialde

RAM ARTE

PREMANA

 

Nascite premature: l’8% a Lecco, 300 bimbi ricoverati ogni anno

Neonato in Terapia Intensiva Neonatale (foto repertorio)

LECCO – Il prossimo 17 novembre si celebra la Giornata Mondiale della Prematurità, un appuntamento finalizzato a promuovere il tema delle nascite premature, delle possibili conseguenze (soprattutto infettive, neurologiche e respiratorie) e la loro prevenzione.

Un dato su tutti: nel mondo un bambino su dieci nasce prematuro, mentre in Itali, ogni giorno, nascono 20 bambini gravemente prematuri (al di sotto delle 28 settimane di gestazione e di peso inferiore ai 1.500 grammi).

L’Azienda Ospedaliera aderisce alla Giornata programmando una serie di eventi, sia al Manzoni che al Mandic, destinati a tutti i cittadini che ne vogliono sapere di più.

Gli specialisti spiegano che, considerando l’età gestazionale, il neonato può essere definito a termine (37-42 settimane), pretermine (al di sotto di 37 settimane), molto pretermine (al di sotto di 32 settimane) ed estremamente pretermine (al di sotto di 28 settimane).

Secondo l’ultimo Rapporto del Ministero della Salute “in Italia nascono in totale circa 570.000 bambini l’anno: la percentuale di nati prima della 37° e prima della 32° settimana di gestazione è rispettivamente del 6,8% (con peso inferiore ai 2.500 grammi) e dell’1% del totale (con peso inferiore ai 1.500 grammi). Rappresentano, invece, lo 0,6% dei nati i bambini nati al di sotto della 28° settimana di gestazione, con un peso inferiore ai 1.000 grammi”.

Presso l’Azienda Ospedaliera sono le Strutture di Neonatologia e di Ostetricia e Ginecologia ad occuparsi di prematurità e di prevenzione della minaccia di nascite premature.

Intanto si conferma che anche a Lecco e Merate, circa l’8% dei parti (2.600 all’anno) è pretermine. È la Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale, diretta da Roberto Bellù, ad assistere i ricoverati con elevati livelli di complessità, anche di peso estremamente basso alla nascita.

Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale (1)Sono circa 300 i ricoveri registrati ogni anno: i bambini di peso inferiore ai 1.500 grammi, quindi gravemente prematuri, sono stati nel 2012 poco più di 50, mentre il 25% dei piccoli degenti, assistiti dall’équipe clinico-assistenziale di Bellù, proviene dagli Ospedali della Valtellina, di Como, dell’alto milanese e dell’area occidentale della bergamasca.

La Struttura del Manzoni si occupa, infatti, anche del trasporto neonatale da questi centri ospedalieri, che non hanno la Neonatologia e la Terapia Intensiva Neonatale , a Lecco. È un vero e proprio punto di forza per il Manzoni.

L’attrezzatura e l’équipe impegnata – spiega Roberto Bellù – garantiscono la possibilità di assistere praticamente qualsiasi tipologia di neonato in piena autonomia, per trasporti che possono durare, per la tipologia del territorio servito, fino a due ore; l’utilizzo dell’eliambulanza costituisce un punto particolarmente qualificante di questa attività”.

“Attraverso il trasporto – continua lo specialista – vengono coperte le necessità di cure intensive di un bacino di utenza molto vasto, su un territorio particolarmente difficile dal punto di vista orografico”. Sono 90 i trasporti critici realizzati ogni anno, di cui il 30% in elicottero.

Tra le iniziative più qualificanti della Neonatologia dell’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco, quella che riguarda le famiglie e i genitori dei neonati, “parte integrante dello staff clinico”, aggiunge Bellù.

Su questo fronte vale la pena segnalare che sono a disposizione delle mamme e dei papà dei bambini degenti della Struttura, quattro stanze con 8 posti letto, così da riuscire a coinvolgerli con continuità, nel percorso di cura e assistenza dei piccoli.

 

Programma:

Ospedale “A. Manzoni”

9.30/10.30 – Sala Riunioni del Dipartimento Materno Infantile (piano 1 del Blocco Ospedaliero): “Semeiotica clinica e strumentale nella minaccia di parto prematuro”, incontro con i ginecologi.
10.30/11.00 – Visita guidata della Struttura di Ostetricia e Ginecologia (piano 1)
11.00/12.00 – Sala Riunioni del Dipartimento Materno Infantile : “Assistenza al neonato prematuro nella zona del lecchese, della Provincia di Sondrio e dell’Alto Lario”. Conferenza aperta alla popolazione
12.00/12.30 – Visita guidata della Struttura di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale (piano 1)
13.30/16.00 – Sala Riunioni del Dipartimento Materno Infantile: “Canta che ti sento”, le testimonianze delle mamme di bambini nati prematuri

Ospedale “S. L. Mandic”

11.00/11.30 – Hall dell’Ospedale: cocktail di benvenuto
11.30/12.30 – Hall: presentazione dei poster allestiti e dedicati all’assistenza al neonato prematuro
12.30/13.00 – 14.30/15.00 – Visita guidata della Struttura di Neonatologia

 

Print Friendly
Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • FriendFeed
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Reddit
  • Segnalo
  • Tumblr
  • Wikio IT

13 novembre 2013 — 15:17 / Sanità
© Riproduzione riservata