Confcommercio Paghe Contabilità
Confcommercio Paghe Contabilità
Confcommercio Paghe Contabilità

Strip banner rotator

Lario Bergauto

AVIS

Bilancio positivo per l’Antincendio di Rancio, ma resta il problema processionaria

LECCO – Bilancio positivo per la Squadra Antincendio Boschivo Alpini Monte Medale di Rancio impegnata nei lavori di pulizia e manutenzione della zona del vallo paramassi.

Tra il 2017 e l’inizio del 2018 sono stati programmati cinque interventi: “Abbiamo eseguito una bonifica delle piante pericolanti lungo la strada del vallo – ha spiegato il caposquadra Mario Fusi – quindi abbiamo creato una nuova via di fuga nei pressi della baita degli Alpini di Castello: la zona è stata totalmente ripulita e l’idea è quella di portare una tubazione, si tratterebbe di circa 120 metri, per avere l’acqua a portata di mano in caso d’incendio ed evitare ai Vigili del Fuoco di dover salire con l’autobotte lungo la strada che è particolarmente impervia”.

Il caposquadra Mario Fusi

 

Accanto a questi interventi più grossi i volontari hanno tenuto pulita tutta la zona: “Sono state ricavate un bel numero di fascine di legna che abbiamo donato alla Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee (Fipsas) che le utilizza per il ripopolamento di alcune specie ittiche. Fortunatamente l’inverno scorso è stato piovoso e nevoso annullando di fatto il rischio incendi sulle nostre montagne”.

Le fascine donate alla Fipsas

 

La Squadra Antincendio Boschivo Alpini Monte Medale fa capo alla Comunità Montana Lario Orientale Valle San Martino: “Ringraziamo l’ente che da sempre rappresenta il nostro punto di riferimento oltre agli sponsor che ci sostengono: AcelFiocchi, Taurus e tanti altri che preferiscono rimanere nell’anonimato. Un ringraziamento particolare all’Azienda Agricola Milani Nicola di Lecco che ci ha fornito alcune attrezzature e mezzi”.

Il gruppo è composto da circa 25 volontari (18 dei quali operativi sugli incendi): “Purtroppo ho visto il gruppo un pochino stanco, certamente c’è bisogno di nuovi elementi. Chiunque abbia voglia di lavorare si faccia avanti. Per quanto mi riguarda, invece, sono caposquadra dal 2011 e penso sarebbe utile un ricambio. La macchina grazie ai volontari funziona bene, ci vorrebbe qualcuno con la voglia di proseguire su questa strada”.

La via di fuga dove si intende fare arrivare l’acqua

 

Un lavoro costante quello svolto dal gruppo che non si limita alle sole emergenze, anzi: “Durante tutto l’anno siamo impegnati in interventi di diversa entità lungo tutto il vallo”.

E poi c’è la questione processionaria. E’ passato un altro anno ma il problema resta: “La gente mi ferma e mi chiede delucidazioni. I nuovi nidi sono sotto gli occhi di tutti e con l’arrivo della bella stagione è facile immaginare quello che succederà. Ho chiesto io stesso delucidazioni in comune ma sto ancora aspettando una risposta. Purtroppo non ho visto nessun passo avanti. Quando le persone mi chiedono spiegazioni non posso far altro che rispondere di rivolgersi all’assessore competente, magari loro una risposta la ricevono”.

Print Friendly, PDF & Email

21 marzo 2018 — 09:14 / Attualità, Lecco
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore