Confcommercio contabilità e paghe
Confcommercio contabilità e paghe
Confcommercio contabilità e paghe

Strip banner rotator

IGINIO

Derivati Deutsche Bank. “Il Comune di Lecco perde un milione di € all’anno”

LECCO – Anche il Comune di Lecco subisce la vicenda dei derivati Deutsche Bank: cifre importanti e perdite di altrettanto rilevanti ‘pescate’ dai documenti del municipio dal consigliere Alberto Anghilieri (Con la Sinistra Cambia Lecco) che ha indirizzato un’interpellanza all’amministrazione comunale.

“Dagli atti acquisiti in copia risulta che il Comune ha stipulato con la Deutsche Bank un contratto derivato – Swap con un valore nozionale di 36.551.000 euro con un tasso che prende a riferimento l’Euribor” scrive il consigliere

“Peraltro questo prodotto finanziario ha originato per anno differenziali negativi a carico del bilancio che hanno raggiunto nel 2016 la cifra annua di – 1.015.525,22 euro (dati Conto 2016) – questi importi negativi ormai registrati dal 2009 tolgono preziose risorse al bilancio comunale riducendo le possibilità di spesa corrente anche in settori fondamentali quali servizi sociali, la cultura, la manutenzione ordinaria”.

Alberto Anghileri

Oltre 36 milioni di derivati “in pancia” a Palazzo Bovara e perdite annue di ben un milione di euro: un’operazione finanziaria che, sottolinea Anghileri, sta nuocendo al Comune capoluogo e che oggi potrebbe essere risanata grazie ad una sentenza della Commissione Europea che “permette a singoli cittadini, imprese ed enti pubblici di chiudere tutti i contratti di mutuo, prestiti e derivati stipulati dal 2005 al 2008” scrive Anghileri.

“La sentenza – ricorda il consigliere – si basa su due motivazioni principali: da un lato, l’indeterminatezza del tasso quando in parametro di riferimento è l’Euribor, dall’altro lato, si fa riferimento all’intesa restrittiva della concorrenza operata da un cartello di istituti di credito europei avente la finalità di manipolare, traendone beneficio, il corso dell’Euribor. La sentenza riguarda sia i contratti di mutuo ipotecario e fondiario a tasso variabile sia i contratti derivati sul tasso”.

Anghileri chiede quindi all’amministrazione comunale se sia possibile avvalersi di tale sentenza per chiudere il contratto con la banca tedesca e “far valere i diritti della collettività”.

Print Friendly, PDF & Email

16 maggio 2018 — 10:17 / Attualità, Lecco
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore