WOW CHE SCONTI
WOW CHE SCONTI
WOW CHE SCONTI

Strip banner rotator

Economia. Il 2018 conferma la crescita: più produzione e ordini

LECCO – “Dopo un 2017 molto favorevole per le imprese del nostro territorio, anche l’inizio del 2018 evidenzia dati positivi: rispetto ai primi mesi dello scorso anno produzione e ordini del comparto industriale hanno evidenziato crescite superiori ai 4 punti percentuali, gli ordini sono aumentati del 4,1% e il fatturato del 7,4%. Anche nell’artigianato prosegue il trend positivo: produzione, ordini e fatturato sono cresciuti con percentuali intorno al 2%”. 

Il Presidente della Camera di Commercio di Lecco, Daniele Riva, commenta con soddisfazione i risultati dell’indagine congiunturale del primo trimestre 2018: “ Le buone notizie non finiscono qui. sul fronte occupazionale i dati evidenziano una crescita per entrambi i comparti: industria, +2,4%;artigianato +2,8%. L’occupazione mostra numeri in crescita anche nei comparti del commercio e dei servizi (rispettivamente +2,3% e +1,2%) e aumenta il volume d’affari: rispettivamente +0,7% e +6,5%”. La competitività delle MPMI, oltre che alla trasformazione digitale e all’innovazione imprenditoriale, è strettamente connessa agli investimenti in formazione e aggiornamento professionale continuo”.

INDUSTRIA

Analizzando i dati del 1° trimestre 2018, la nostra provincia evidenzia una crescita1 di produzione e fatturato più elevata rispetto alla media regionale (Lecco: rispettivamente +4% e +7,4%; Lombardia, rispettivamente, +3,6% e +4,9%), mentre gli ordini mostrano una variazione più bassa (Lecco, +4,1%; Lombardia, +5,2%).

Nel primo trimestre 2018 l’indice medio della produzione industriale si è attestato a 113,8 (media 2010=100), quello degli ordini a 122,6 e quello del fatturato a 119,6.

Nel 1° trimestre 2018, la produzione lecchese è in crescita soprattutto nei settori: “siderurgia” (+10,6%), “carta stampa” (+6%) e “meccanica” (+4,8%). Solo“chimica” e “alimentari” evidenziano un calo (rispettivamente -13,3%, -0,6%).

L’occupazione industriale a Lecco è cresciuta dell’1,4% rispetto a fine 2017 e del 2,4% nei confronti di fine marzo dello scorso anno (in Lombardia, rispettivamente +1% e +1,2%); l’indice della nostra provincia si è attestato a 103,4 (media 2010=100), mentre in Lombardia è stato pari a 100 (l’occupazione è rimasta invariata rispetto a marzo 2010). L’indice lecchese è superiore a quello di fine 2007 (102,1, sempre con base 2010=100), mentre quello regionale rimane inferiore di quasi 5 punti percentuali (l’indice lombardo era infatti pari a 104,9).

ARTIGIANATO

Positivo anche l’andamento dell’artigianato: le variazioni tendenziali di produzione, ordini e fatturato delle imprese lecchesi nel 1° trimestre 2018 si sono attestate, rispettivamente, a +2,5%, +2% e +1,8% (contro il +2,2%, +2,3% e +2,4% lombardo).

L’indice medio della produzione artigiana lecchese nel 1° trimestre 2018 si è attestato a 115,7 (media 2010=100); quello degli ordini a 112,9 e quello del fatturato a 115,9. La media lombarda è molto più bassa: si è attestata, rispettivamente, a 95,8, 95,2 e 99,4. Peraltro, anche a Lecco siamo ancora molto distanti dai valori pre-crisi: a fine 2007 (sempre con base 2010=100) il valore medio dell’indice della produzione era 129,2; per gli ordini 128,4; il fatturato 123,8.

Rispetto al 1° trimestre 2017, “meccanica”, “legno-mobilio” e “tessile” sono i settori che registrano gli aumenti più significativi della produzione (rispettivamente +4,5% e +4,4% e +1,2%), mentre i settori con le peggiori performance sono “gomma-plastica” (-7,1%) e “siderurgia” (-5,9%).

Nei primi tre mesi del 2018 si evidenzia una crescita dell’occupazione artigiana lecchese: +0,8% rispetto a fine marzo 2017 e +1,4% nei confronti di fine 2017 (in Lombardia la variazione tendenziale è stata dell’1%, mentre quella congiunturale dell’1,2%); l’indice medio si è attestato a 105 (media 2010=100), contro il 98,6 regionale. Tuttavia i dati rimangono ancora inferiori a quelli pre-crisi: a fine 2007 (sempre con base 2010=100) il valore lecchese era 107,6 e quello lombardo 107,7.

COMMERCIO E SERVIZI

Dati incoraggianti anche per il settore terziario: nel 1° trimestre 2018 cresce il volume d’affari sia nel commercio che nei servizi (rispettivamente +0,7% e +6,5%); a livello lombardo il primo è rimasto invariato, mentre quello dei servizi è aumentato dell’11,4%. L’indice del volume d’affari delle imprese commerciali lecchesi si è attestato a 88, mentre quello dei servizi a 101,8. In Lombardia rispettivamente 78,2 e 127,7.

A Lecco, nei primi tre mesi del 2018, crescono sia l’occupazione nel commercio (+1,5% la variazione rispetto al trimestre precedente e +2,3% quella tendenziale), sia quella dei servizi (rispettivamente +0,8% e +1,2%). L’indice medio dell’occupazione si è attestato a 101,9 nel commercio e a 103,2 nei servizi.

In Lombardia l’occupazione nel commercio è cresciuta dello 0,7% rispetto allo scorso dicembre e dell’1,7% nei confronti di fine marzo 2017. Nel comparto dei servizi la variazione congiunturale è stata e quella tendenziale del +1,2%. Il numero indice del 1° trimestre 2018 si è attestato a 97,7 per il commercio e a 106,8 per i servizi.

ALTRI DATI 

I fallimenti sono in crescita nella prima parte dell’anno: 22 in tutto, +29,4% rispetto allo stesso periodo del 2017 (Lombardia -4,4%; Italia -3%), mentre diminuisce notevolmente l’importo complessivo dei protesti: da quasi 900.000 a 250.000 Euro (-71,8%);

La nostra provincia evidenzia altresì un calo importante delle ore di cassa integrazione autorizzate dall’INPS: con una diminuzione del 30,3% Lecco è quinta, dopo Cremona, Mantova, Pavia e Como (rispettivamente -70,6%, -49,4%, -47,9% e -40,9%). Le ore autorizzate dall’INPS nel primo trimestre 2018 sono state di poco superiori a quota 250.000 (Lombardia -21,4%; Italia -38,7%). In particolare, cresce la cassa ordinaria da circa 50.600 ore a oltre 104.000 (+105,8%)1, scende quella straordinaria da oltre 240.000 a poco più di 150.000 ore (-37,6%)2, mentre non sono state autorizzate ore di CIG in deroga (contro le oltre 73.000 del 1° trimestre 2017).

A fine marzo 2018 le imprese registrate erano 26.005 e le unità locali 33.117; il saldo tra imprese nate (504) e cessate (656) è negativo: -152 unità4. Pertanto, le aziende registrate sono calate dell’1,2% rispetto a fine marzo 2017, contro il +0,3% regionale e nazionale.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

16 maggio 2018 — 16:52 / Economia
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore