Tutto Cialde
Tutto Cialde
Tutto Cialde

Strip banner rotator

Promessi Sposi

Elettricità, tassazione ai massimi. Riva: “A pagare di più sono le PMI”

LECCO – La tassazione dell’energia elettrica in Italia è salita ai massimi storici, arrivando a pesare per 1 punto percentuale di PIL, con uno squilibrio evidente sia rispetto ai Paesi dell’Eurozona, sia all’interno del territorio nazionale se si analizzano le spese sostenute dai consumatori.

A pagare di più sono infatti le MPMI: per una piccola media impresa italiana il carico rappresentato da oneri di sistema e accise pesa per il 37,8% del costo totale dell’energia elettrica (MPI tipo con 60 MWh di elettricità consumata l’anno e una potenza impegnata di 45 kW). Anche il gettito degli oneri generali di sistema sull’energia elettrica presenta una distribuzione caratterizzata da un evidente svantaggio delle piccole imprese: in media una PMI in bassa tensione paga 7,1 euro di oneri ogni 100 KWh consumati a fronte dei 5 della media delle imprese, dei 5 euro di un’impresa in media tensione e dei 2,6 euro per una in alta e altissima tensione.

Inoltre, sulla base dei dati della Relazione annuale dell’Autorità per l’energia, il prelievo per oneri generali pesa per il 20,2% sul mercato domestico, per il 77,4% sul mercato delle imprese e per il rimanente 2,5% sull’illuminazione pubblica. E in vista ci son ulteriori rincari sia per le aziende che per le famiglie, che dal 1° ottobre 2018 si sono viste aumentare la spesa per l’energia elettrica del 7,6% mentre per il gas la bolletta sarà più pesante del 6,1%.

Una risposta efficace arriva da CENPI, Confartigianato Energia Per le Imprese, iniziativa delle Associazioni territoriali Confartigianato, Lombardia e Piemonte, che fa parte della rete nazionale dei Consorzi energetici di Confartigianto.

 

Il presidente della Confartigianato di Lecco, Daniele Riva

Il consorzio CENPI nasce per espressa esigenza delle aziende artigiane associate di avere unsupporto affidabile, professionale e continuo sul tema energia, negoziando le migliori condizioni di fornitura sul libero mercato, con l’obiettivo di aiutarti a ridurre i costi.

“Il sistema CENPI – spiega Daniele Riva, presidente Confartigianto Imprese Lecco, riconfermato proprio in questi giorni alla guida di CENPI –   offre i suoi servizi a più di 10.000 aziende e 5.000 famiglie, per oltre 400 milioni di kilowattora e 30 milioni di metri cubi di gas metano. Si rivolgono a noi non solo le aziende del settore artigiano, ma anche realtà commerciali, alberghi e ristoranti, supermercati, enti pubblici. Il Consorzio, dal 2013, rappresenta anche gli interessi degli utenti domestici a cui viene garantito un vero rapporto di consulenza personale e diretto nei confronti del mercato libero dell’energia, sempre in evoluzione e sempre più globalizzato. L’obiettivo è far risparmiare e offrire supporto grazie alla presenza in loco dei nostri consulenti, disponibili personalmente nelle sedi territoriali, senza dover passare per call center remoti. Nel 2018 i nostri clienti “aziende”, avendo costi fissi, non hanno subito aumenti, mentre le utenze domestiche, dovendo rispondere a offerte legate alle tariffe pubblicate dall’Autority, hanno potuto usufruire di sconti proporzionati alla maggiorazione applicata”.

Per maggiori informazioni, consultare il sito www.cenpi.com

Print Friendly, PDF & Email

16 ottobre 2018 — 16:54 / Economia
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore