Tutto Cialde
Tutto Cialde
Tutto Cialde

Strip banner rotator

Adsense

Multiutility del Nord. Paolo Busnelli nuovo presidente di Acsm-Agam

 

MONZA – E’ il fulcro del progetto di fusione societaria della cosiddetta Multiutility del Nord a cui partecipa anche Lario Reti Holding: ACSM-AGAM SpA, partecipata al 10.53% dal Comune di Monza, ha un nuovo presidente, è l’imprenditore brianzolo Paolo Busnelli.

Venerdì il sindaco di Monza, Dario Allevi, ha siglato il decreto che ufficializza la nomina del nuovo presidente a capo del consiglio di amministrazione,  La designazione è avvenuta in esito all’avviso pubblicato dal Comune il 18 aprile scorso, al quale hanno risposto 13 aspiranti candidati.

L’incarico, di durata triennale è strategico poiché inserito nei patti parasociali della maxi-aggregazione delle multiutilities del nord della Lombardia, che coinvolge i territori di Monza, Como, Lecco, Varese e Sondrio, nonché il partner industriale A2A SpA.

“Al futuro presidente i miei migliori auguri di buon lavoro – ha commentato il primo cittadino di Monza –  Sono arrivate candidature da diverse parti del paese, ma non ho avuto dubbi a scegliere un monzese doc con un curriculum vitae di assoluto prestigio. Credo, infatti, che anche scelte come questa aiutino un territorio a crescere, creando quel senso di appartenenza alla comunità fondamentale per affrontare le tante sfide da vincere grazie al gioco di squadra”.

L’operazione assegna agli enti locali e società pubbliche la maggioranza del capitale sociale e ad A2A la leadership industriale del gruppo con il 39% circa delle azioni. Nasceranno contestualmente alla holding sei società di business: Como ospiterà quella dedicata alla distribuzione del gas, Sondrio quella della distribuzione di energia elettrica, Lecco con Acel e Lario Reti Gas il polo della vendita del gas e dell’energia elettrica e Varese la società che si occuperà dell’Ambiente.

“Il territorio di Monza – si legge nel comunicato diffuso dal comune brianzolo –  ospiterà la sede della holding e delle due società di business dedicate alla tecnologia e all’innovazione, con particolare riferimento al teleriscaldamento, gestione calore, illuminazione pubblica, efficientamento energetico e smart-city”.

Ed è questo passaggio ad aver acceso l’attenzione del consigliere comunale Cinque Stelle  di Lecco, Massimo Riva: “Se tra i vari obiettivi di questa operazione, che peraltro ci vede contrari nel suo complesso, vi è anche quello di sviluppare il faraonico ed inutile progetto di teleriscaldamento collegato al forno di Valmadrera, la nostra opposizione sarà ancora più forte, sia a livello locale, che regionale che nazionale. Diciamo No al teleriscaldamento, Si alla dismissione del forno ed alla fabbrica dei materiali”.

Print Friendly, PDF & Email

26 maggio 2018 — 11:37 / Economia
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore