F.I.M.A.A. Lecco
F.I.M.A.A. Lecco
F.I.M.A.A. Lecco

Strip banner rotator

INVERNIZZI

TUTTO CIALDE

Promessi Sposi

Centrodestra compatto in Provincia, “uniti alle prossime elezioni”

di A.B.

LECCO – Dai banchi dell’opposizione al tavolo dell’amministrazione: l’occasione è un incontro con la stampa ma anche è quello che il centrodestra auspica per le prossime elezioni a Villa Locatelli e a Palazzo Bovara, ancora lontane, tra un anno le prime e nel 2020 le comunali, ma l’obiettivo dei partiti è arrivarci insieme ed esprimere un unico candidato espressione di tutto il centrodestra.

“La collaborazione nasce tra Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Libertà e Autonomia hanno ricreato le condizioni per l’unità del centro destra in Provincia di Lecco” ha sottolineato Stefano Simonetti, capogruppo del Carroccio. “Un nuovo dialogo” ha proseguito l’esponente della Lega, “questa collaborazione è una fucina di idee per la Provincia ma che guarda anche alle elezioni nel capoluogo”.

Una collaborazione “che ha prodotto risultati importanti – ha ricordato Simonetti – che ha avanzato proposte e generato aspetti propositivi”, Sedici tra interrogazioni e mozioni avanzate nell’ultimo anno dall’opposizione, il termine corretto per definire i due gruppi, “non siamo la minoranza, siamo la maggioranza” ha ribadito Mattia Micheli di Libertà e Autonomia, rimarcando come il rinnovo del consiglio provinciale abbia prodotto la paradossale situazione di un centrosinistra al governo con un numero inferiore di consiglieri (cinque escludendo il presidente Flavio Polano) contro i sei del centro destra e un consigliere di sinistra, Sergio Brambilla, a fare da bilanciere.

Stefano Simonetti e Mattia Micheli

 

“Abbiamo sempre dato prova di grande senso di responsabilità e cognizione di causa rispetto alle problematiche della Provincia, rimarcando la nostra linea ma consentendo che provvedimenti importanti per il territorio potessero superare il vaglio dell’aula” ha sottolineato Micheli.

“Lo abbiamo dimostrato anche con il voto sul bilancio – gli ha fatto eco Antonio Pasquini – dove avevamo i numeri per mandare ‘sotto’ l’amministrazione Polano e che invece è stato approvato grazie alla nostra serietà. L’attenzione al territorio, è la prima cosa, al di la dell’appartenenza politica”.

Il gruppo della Lega: Elena Zambetti, Claudia Ferrario e Stefano Simonetti

 

Il gruppo non cambiera, nemmeno se le imminenti elezioni regionali e politiche modificheranno l’attuale compagine del centrodestra, ci rispondono: il ritorno di Daniele Nava e Mauro Piazza in Forza Italia potrebbe infatti trovare adesione anche tra gli attuali consiglieri provinciali di Libertà e Autonomia, oggi però il partito berlusconiano è incluso nel gruppo consiliare della Lega Nord insieme ad FDI, seppur i tre consiglieri eletti siano esclusiva espressione del Carroccio.

“Al di la delle scelte personali di ognuno, il nostro gruppo resterà tale, così come il nome a cui teniamo molto – ha spiegato Micheli – la nostra è una rappresentanza civica di centro destra e ne rappresenta tutte la anime”. “Rappresentiamo una vasta platea di amministratori ed espressione del territorio che ci ha scelto senza guardare alla tessera di partito” ha ribadito Pasquini.

Il gruppo Libertà e Autonomia: Mattia Micheli, Alfredo Casaletto e Antonio Pasquini

 

La Lecco-Bergamo al palo, le scuole ridotte a cantieri “con gravissimi problemi ancora da risolvere” come rimarcato dalla consigliera leghista Claudia Ferrario, la scarsa qualità di infrastrutture viabilistiche come ricordato dalla collega Elena Zambetti e di nuovo da Pasquini, le problematiche sul trasporto pubblico locale sottolineate dal consigliere Alfredo Casaletto, sono alcune delle criticità, emerse nell’ultimo anno, sulle quali il centrodestra spingerà di nuovo la discussione nei prossimi mesi in Provincia.

Print Friendly, PDF & Email

11 gennaio 2018 — 14:48 / Politica
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore