Strip banner rotator

Confindustria

Adsense

“L’Italia nel bicchiere”. Alla scoperta del Muller Thurgau

RUBRICA – Ciao a tutti e ben ritrovati a condividere una giusta passione per il vino italiano, anche se il vitigno di cui vi voglio parlare non è originario del nostro Bel Paese ma è stato creato in Svizzera verso la fine dell’800. Il Muller Thurgau è in effetti un incrocio botanico tra Riesling renano e Madeleine Royale concepito in Germania da un biologo elvetico di nome Hermann Muller, cittadino di Thurgau.

Prima dell’evoluzione delle analisi genetico-molecolari sui vitigni si pensava che l’ibrido fosse composto da Riesling x Sylvaner, si pensò anche allo Chasselas, infine il responso definitivo col suddetto vitigno autoctono del Vallese.

Per le sue caratteristiche di adattamento e cospicua produttività si è rapidamente diffuso in tutta l’Europa centrale, specialmente Germania, Austria, Ungheria e nord-est d’Italia, naturalmente in Trentino e Alto Adige, dove se no?
Generalmente col Muller Thurgau si producono vini definiti gradevoli, freschi, sapidi e snelli di corpo, mai elencati nella gamma dei grandi vini bianchi italiani.

E’ facile anche imbattersi in alcune versioni di Muller Thurgau frizzanti o spumanti tra i quali, devo ammettere, non ho mai trovato prodotti degni di nota. Al contrario, ad una recente degustazione con gli amici di Lurago d’Erba, ne ho assaggiato uno talmente raffinato, equilibrato e delizioso da farmi ripensare al concetto del “grande vino” che deve aver per forza struttura, complessità e personalità.

Tutti questi requisiti un Muller Thurgau non li potrà mai avere, e non dobbiamo neanche aspettarceli, però può essere eccellente vino leggero e gradevole ideale per un aperi-cena, per una cenetta estiva in veranda o in terrazza vista mare o per uno sfizioso menù vegetariano: vi garantisco che, se ben valorizzato, non è certo un vino di serie B come ritenuto da molti.

Tra i prodotti assaggiati in questi ultimi anni ho un ricordo di notevoli differenze tra quelli prodotti in Trentino, dove la zona di elezione è la Val di Cembra, nei territori di Lavis, Cembra e Faedo e quelli prodotti nelle zone più nord in Alto Adige come Valle Isarco e Val Venosta.
Nel primo caso i vini sono più rotondetti e vellutati con note fruttate e floreali delicate e avvolgenti, nel secondo vini più sottili e freschi d’acidità ma con aromaticità più profonda fatta di sfumature spesso erbacee e agrumate.

Pur non avendone assaggiati a decine, mi sento di segnalarvi i due Muller delle cantine storiche di Cembra e di La Vis, a cui si aggiungono quelli dell’Istituto di S.Michele all’Adige (ora Fondazione Mach) e lo “Zeveri” di Cavit. Dal Trentino arriva anche il delizioso “Filii” di Pojer e Sandri, un curioso vino commercializzato in bottiglie da 0,50 lt, ottenuto con un uvaggio di Riesling renano ed i suoi 3 “figli” ibridi Muller Thurgau (Rieslig x Madeleine Royale), Kerner (Riesling x Schiava) e Incrocio Manzoni (Riesling x Pinot B.co).

Dalla zona classica della Strada del Vino in Alto Adige posso citarvi il “Graun” della Cantina Cortaccia ed il mitico “Feldmarshall” di Tiefenbrunner, un vigneto posto a 800/900 m sopra il livello del mare.

Dalla Valle Isarco il “Sass Rigais” di Manni Nossing, quello splendido vino degustato l’altra sera a Lurago d’Erba, e la selezione “Aristos”dei Produttori Valle Isarco ed infine, dalla Val Venosta la divina vendemmia tardiva “Spielerei” di Castel Juval a cui abbinerei un foi-gras o un erborinato piuttosto che un dolce.

L’ultima segnalazione arriva dalla Basilicata, tranquilli non è una bufala, ma il “Re Manfredi” b.co di Terra degli Svevi è un 70% Muller Thurgau e 30% Traminer dal prezzo onesto prodotto sui terreni di origine vulcanica del Vulture: assolutamente da provare quindi.

Assaggiare per credere
Roberto Beccaria

ARTICOLI PRECEDENTI

4 aprile – L’Italia nel Bicchiere. Alla scoperta del Gewurztraminer

13 febbraio – L’Italia nel bicchiere. Cabernet Sauvignon: uvaggio dagli innumerevoli pregi

06 gennaio – “L’Italia nel bicchiere”. Alla scoperta del vitigno Viogner

 

2017

12 dicembre – “L’Italia nel bicchiere”. Tour tra le bollicine italiane meno conosciute

20 ottobre – “L’Italia nel bicchiere”. I gioielli vitivinicoli della Valle d’Aosta

9 settembre – L’Italia nel Bicchiere. Passerina e Pecorino due bianchi tutti da scoprire

17 luglio – L’Italia nel Bicchiere. Col pesce quale vino? Bianco, rosato o rosso?

27 giugno – “L’Italia nel bicchiere”. Che caldo: è il momento di concedersi un Prosecco

6 giugno – “L’Italia nel bicchiere”. Alla scoperta del Cirò di Calabria

16 maggio – “L’Italia nel bicchiere”: un “tuffo” nei vini maremmani

27 aprile – L’Italia nel Bicchiere. Vin Nobile di Montepulciano: mostro sacro del vino italiano

11 aprile – L’Italia nel bicchiere. “Pas Dosè”, lo spumante che piace sempre più

11 marzo – L’Italia nel bicchiere. Il Nero d’Avola: un vino da scoprire

 

2016

12 dicembre – “L’Italia nel bicchiere”. Natale a tavola: ecco quali vini scegliere

15 novembre – L’Italia nel bicchiere. Il mondo degli “uvaggi” e le sue eccellenze

18 ottobre – L’Italia nel bicchiere. I vini dell’Etna, un’eruzione di bontà

26 settembre – “L’Italia nel bicchiere”. Lagrein, dall’Alto Adige un “Signor” rosso

7 settembre – L’Italia nel bicchiere. Una carrellata di vini bianchi italiani tutti da scoprire

13 agosto – L’Italia nel bicchiere. Grigliata di Ferragosto? Ecco che vini abbinare

18 luglio – L’Italia nel bicchiere. Un vino per l’estate? Il Lugana

28 giugno – “L’Italia nel bicchiere”. Al Griso con Popo Mojoli per un viaggio (di)vino

7 giugno – L’Italia nel bicchiere. Un’escursione tra i vini della Valtellina

21 maggio – “L’Italia nel Bicchiere”. Oggi si stappa il Sauvignon blanc

22 aprile – “L’Italia nel bicchiere”. I bianchi della Valle Isarco

1 aprile – L’Italia nel bicchiere. Merlot: uva straordinaria e internazionale

15 marzo – L’Italia nel bicchiere. Alla scoperta dei vini di Sardegna

17 febbraio – L’Italia nel Bicchere. Spazio ai vini rossi frizzanti!

20 gennaio – L’Italia nel bicchiere. L’Aglianico, il “Nebbiolo del Sud”

4 gennaio – “L’Italia nel bicchiere”. Il Moscato d’Asti a fermentazione naturale

 

2015

9 dicembre – Feste vicine, qualche suggerimento “da bere”

5 novembre – L’Italia nel bicchiere. Alla scoperta dell’ottimo Montepulciano

16 ottobre – L’Italia nel Bicchiere. Vitigni e vini del meraviglioso Friuli

30 settembre – L’Italia nel bicchiere. Meglio l’Amarone o lo Sfurzat?

15 settembre – L’Italia nel bicchiere. Un viaggio tra i Supertuscans

2 settembre – L’Italia nel bicchiere. Scopriamo lo Chardonnay: l’uva più coltivata al modo

30 luglio – “L’Italia nel bicchiere”. Scopriamo gli abbinamenti vino – formaggio

17 giugno – “L’Italia nel bicchiere”. “Garganega: un gioiello di uva”

3 giugno – L’italia nel Bicchiere. Spezziamo una lancia a favore dei Rosati

24 maggio – L’italia nel Bicchiere. Viaggio tra i vini bianchi dell’Alto Adige

9 maggio – L’Italia nel bicchiere. Viaggio in Toscana alla scoperta del Chianti

21 aprile – “L’Italia nel bicchiere”. Parliamo di Barbera o, meglio, de’ La Barbera

1 aprile – L’Italia nel bicchiere. il Primitivo e il Negroamaro

26 marzo – L’Italia nel bicchiere. “Bollicine” italiane

24 febbraio – Viaggio nel mondo dei Passiti

13 febbraio – Il riscatto dei “Vitigni Poveri”

27 gennaio – Oggi con Roberto Beccaria parliamo del Nebbiolo

16 gennaio – Vino protagonista. “L’Italia nel bicchiere”, nuova rubrica di Roberto Beccaria

 

Print Friendly, PDF & Email

15 maggio 2018 — 15:10 / L'Italia nel bicchiere
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore