Tutto Cialde
Tutto Cialde
Tutto Cialde

Strip banner rotator

Promessi Sposi

Psicologia e Vita. “Devi prendermi per quello che sono!”

RUBRICA – Proseguiamo oggi il filone dei “tranelli” che il senso comune ci tende, quasi senza che ce ne accorgiamo. Si tratta di espressioni, indicazioni, “frasi fatte” – come dicevamo nel nostro precedente intervento – che sembrano, in prima battuta, assolutamente giuste e condivisibili, ma che nascondono pericolose insidie.

Ci focalizziamo in particolare su un’espressione tra le più frequenti in cui mi capita di imbattermi, soprattutto nelle terapie di coppia, che suona grossomodo così: “Sono fatto in questo modo e devi prendermi per quello che sono!”. Il sottile filo che sottende questa frase è un certo allontanamento dalle responsabilità e una scarsa disponibilità al cambiamento (consapevole o meno) con il quale ci si imbatte abbastanza frequentemente nel corso della psicoterapia.

Proviamo, anche in questo caso, ad analizzare più da vicino questa espressione per osservare meglio che cosa non funziona. Ciò che salta immediatamente all’occhio è l’assoluta certezza di un dato di fatto inconfutabile e immodificabile: le persone sono fatte in un certo modo e non possono cambiare. C’è una diffusissima espressione del senso comune che esemplifica con immediatezza questo concetto: “Chi nasce tondo non può morire quadrato”.

Ma è proprio così? Ci sono dati strutturali e assolutamente immodificabili della persona ai quali ci si può solo adeguare o rassegnare? Qui dobbiamo introdurre un elemento di flessibilità e discriminazione. Se intendiamo la semplice e scontata osservazione secondo cui ognuno di noi ha caratteristiche che denotano tratti molto profondi della personalità e della costruzione individuale (frutto di un’intera storia di vita) la risposta non può che essere “sì”, ma sul fatto che queste caratteristiche, anche le più profonde, non siano modificabili, smussabili, padroneggiabili, la risposta è “no”. Nella mia esperienza clinica mi è capitato di assistere al cambiamento di persone che da estremamente chiuse e timide sono diventate addirittura abili conferenzieri, o che da paurose e indecise hanno trovato il coraggio di farsi carico delle proprie scelte e imboccare la propria strada (con tutti i rischi e i pericoli del caso).

Se infatti alcuni “tratti” della persona sono talmente profondi da costituirne un aspetto identitario (e quindi modificabile solo in parte), molti altri sono l’esito di paure, insicurezze, confusione, esperienze traumatiche che non sono state mai focalizzate e per questo sono sempre risultate inaffrontabili. Se ne sono sempre e solo constatati gli esiti, senza arrivare a capirne la provenienza, l’articolazione e “il funzionamento” nello specifico modo in cui arrivano a orientare i comportamenti e le scelte.

Nella maggior parte dei casi ciò che è in gioco, nel determinare problematiche relazionali ed emotive di varia natura, non sono tratti profondi della personalità, ma specifiche difficoltà emotive che si sono strutturate e incancrenite nella misura in cui non sono mai state analizzate a fondo ed affrontate. L’imperativo “Devi prendermi per quello che sono!” è dunque indicativo di una scarsa disponibilità al cambiamento e di una difficoltà a mettersi in gioco, più che essere una “verità” relativa alla struttura della psiche umana.

Questo aspetto è centrale tanto nel discorso di coppia quanto nella “dialettica individuale” attraverso cui ciascuno “dialoga” con se stesso. Nella coppia, infatti, un imperativo di questo tipo genera fatica nella possibilità di rapportarsi l’uno all’altro e modificare quei comportamenti che non sono funzionali ad un’intesa a due; in un percorso individuale l’ancoraggio all’idea secondo cui c’è poco o nessun margine di cambiamento nel modo in cui “si è fatti” è un grosso ostacolo a qualsiasi tipo di evoluzione.

Dott. Enrico Bassani
Psicologo – Psicoterapeuta
Via Leonardo da Vinci 15, Lecco
http://www.bassanipsicologo.it – info@bassanipsicologo.it – tel. 338.5816257

ARTICOLI PRECEDENTI

23 settembre – Psicologia e Vita. Occhio ai tranelli della psiche e del senso comune

4 settembre – Psicologia e Vita. Come si fa a “ritrovare l’energia?”

16 luglio – Psicologia e Vita. La noia, spiacevolissima occasione di rilancio

21 giugno – Psicologia e Vita. Notte prima degli esami…

7 giugno – Psicologia e Vita. I valori? Iniziamo a dar valore alle parole…

23 maggio – Psicologia e Vita. Dottore, devo comprare lo smartphone a mio figlio?

1 maggio – Psicologia e Vita. Liberi! Ma da che cosa?

10 aprile – Psicologia e Vita. La violenza psicologica: inadeguatezza e senso di colpa

20 marzo – Psicologia e Vita. Riconoscere e combattere la violenza nella coppia

9 marzo – Psicologia e Vita. La forza di andare fino in fondo…

22 febbraio – Psicologia e Vita. L’uso della forza nelle relazioni

1 febbraio – Psicologia e Vita. Santa Rabbia (… da maneggiare con cura)

18 gennaio – Psicologia e Vita. Accondiscendenza, falsa amica delle relazioni

2 gennaio – Psicologia e Vita. Regalatevi relazioni, e sarà un buon 2018

2017

18 dicembre – Psicologia e Vita. L’elisir (psicologico) di lunga vita

5 dicembre – Psicologia e Vita. Essere chiari con sé stessi (2)

21 novembre – Psicologia e Vita. Essere chiari e onesti con sé stessi

7 novembre – Psicologia e Vita. La felicità è sempre una conquista

17 ottobre – Psicologia e Vita. Come, quando e perchè si manifesta un sintomo

2 ottobre – Psicologia e Vita. La comprensione di sè… in pillole

4 settembre – Psicologia e Vita. Sindrome da rientro dalle vacanze? Che cosa nasconde?!

26 luglio – Psicologia e Vita. Il sottile confine tra accettazione e rassegnazione

10 luglio – Psicologia e Vita. Cos’è un attacco di panico?

19 giugno – Psicologia e Vita. Paura, ansia o attacco di panico?

3 giugno – Psicologia e Vita. La prima regola per non soccombere: darsi valore

24 maggio – Psicologia e Vita. Perdersi… nella relazione di coppia

8 maggio – Psicologia e Vita. Litigi e conflitti di coppia, istruzioni per l’uso

26 aprile – Psicologia e Vita. I segni dell’emotività non espressa

10 aprile – Psicologia e Vita. L’educazione emotiva

27 marzo – Psicologia e Vita. Come costruire un buon rapporto con vostro figlio

13 marzo – Psicologia e vita. Che cosa devo assolutamente dare a mio figlio

27 febbario – Psicologia e vita. Come si fa a credere in sé stessi?

13 febbraio – Psicologia e vita. Cosa vuol dire “Ti amo”?

30 gennaio – Psicologia e Vita. Ecco come ci inganniamo minuto per minuto

16 gennaio – Psicologia e Vita. La paura che non si riesce a vedere

28 dicembre – Psicologia e Vita. “Alla ricerca della felicita’ “

12 dicembre – Psicologia e Vita. Scappa, scappa… ma che accadrà dopo?

28 novembre – Psicologia e Vita. Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?

14 novembre – Psicologia e Vita. Le emozioni non si giudicano

1 novembre – Psicologia e Vita. Emozioni o pensieri… chi detta legge?

17 ottobre – Psicologia e Vita. Come si diventa ciò che si è

3 ottobre – Psicologia e Vita. Dove si nasconde la salute?

15 settembre – Nuova rubrica per LN: “Psicologia e vita”. “Psicologia della vita quotidiana”

Print Friendly, PDF & Email

19 ottobre 2018 — 11:11 / Psicologia e Vita
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore