Tutto Cialde
Tutto Cialde
Tutto Cialde

Strip banner rotator

Promessi

Avis

Psicologia e Vita. L’uso della forza nelle relazioni

RUBRICA – Nell’ultimo intervento abbiamo in qualche misura “sdoganato” la rabbia, emozione tanto vituperata soprattutto per il suo ruolo perturbante nelle relazioni. Accanto al suo potere distruttivo (se espressa in modo esplosivo e “subita” nella sua dirompenza) ne abbiamo infatti apprezzato anche la “forza amica” nel rendere evidenti e portare avanti le istanze personali di chi la sperimenta. Abbiamo cioè valutato anche il ruolo di “alleata” della rabbia nel fornire l’energia necessaria per affrontare le condizioni che non producono benessere.

Oggi sdoganiamo un altro aspetto che inevitabilmente entra in gioco nelle relazioni e che spesso viene guardato con diffidenza e sospetto: l’uso della forza. Cerchiamo cioè di osservare fino a che punto sia legittimo esercitare la forza, in una relazione o in un rapporto di coppia, e dove è invece opportuno lasciare spazio a strumenti meno conflittuali.

Prendiamo avvio da una distinzione importante: forza non è sinonimo di violenza, tutt’altro. Esprimere con decisione e con forza le proprie idee non vuol dire essere violenti, ma, semplicemente, credere in sé stessi, nel valore delle proprie opinioni e, paradossalmente, nell’importanza del rapporto in gioco. La violenza, al contrario, ha a che fare con l’impedire la legittima espressione delle posizioni altrui e con la delegittimazione sistematica dell’altrui punto di vista. Al contrario di quanto potrebbe apparire al primo sguardo, la violenza è quasi sempre legata alla fragilità e alla debolezza. E’ proprio chi non è in grado di sostenere le proprie posizioni argomentando, chi non regge la possibilità che possano esistere opinioni (legittime) diverse dalla sua, o chi non si sente all’altezza di un confronto che ricorre alla violenza per zittire il proprio interlocutore.

Ma tutto questo non ha a che fare con l’esercizio della forza. Proviamo a fare un esempio per delimitare con chiarezza il confine tra forza e violenza. Mi capita spesso, nella pratica psicoterapeutica, di ascoltare episodi di contrasto all’interno di una coppia o anche nell’ambito di un’amicizia. E altrettanto spesso, in alcuni di questi episodi, vengono portate argomentazioni di questo genere: “Non ho sostenuto la mia posizione per non litigare”, oppure “Ho preferito lasciar perdere per non rovinare la nostra relazione”, o “Non vale la pena mettere in discussione un rapporto per un’opinione”. Eppure, spesso, sono in gioco questioni importanti sotto le sembianze di piccoli avvenimenti della quotidianità.

Ebbene, le relazioni, quanto più sono profonde tanto più sono potenzialmente cariche di conflitti, nella misura in cui comportano una vicinanza estrema. Ma è proprio perché tengo ad una persona, compagno/a o amico, che è importante manifestare ciò in cui credo e far valere le mie posizioni. Il fatto che metta tutte le energie e la “forza buona” del mio persuadere in ciò che sostengo e che intendo fare dice del valore che la nostra relazione ha ai miei occhi, non è una minaccia.

Nei conflitti ciò che bisogna temere – ancora una volta – è l’evitamento, il non affrontare e lasciar “macerare” nell’indifferenza questioni centrali di un rapporto. L’esercizio della forza (non della violenza – ribadiamo) tutt’al più fa sì che emergano conflitti già esistenti, anche se sepolti, ma non ne crea di nuovi dal nulla.

Chiudiamo appoggiandoci a un gigante del Novecento, il filosofo della scienza Karl Popper. Quando, in un’intervista risalente agli ultimi anni della sua riflessione, gli si chiese: “Vale la pena morire per un’idea?”, Popper, da buon fallibilista, rispose: “No, perché quell’idea, come qualsiasi altra, potrebbe essere sbagliata. Ma in nome di quell’idea mi batterò finché qualcuno non mi mostrerà che non è corretta”.

Ecco ciò che intendo per un uso legittimo e benevolo della forza.

Dott. Enrico Bassani
Psicologo – Psicoterapeuta
Via Leonardo da Vinci 15, Lecco
http://www.bassanipsicologo.it – info@bassanipsicologo.it – tel. 338.5816257

ARTICOLI PRECEDENTI

1 febbraio – Psicologia e Vita. Santa Rabbia (… da maneggiare con cura)

18 gennaio – Psicologia e Vita. Accondiscendenza, falsa amica delle relazioni

2 gennaio – Psicologia e Vita. Regalatevi relazioni, e sarà un buon 2018

2017

18 dicembre – Psicologia e Vita. L’elisir (psicologico) di lunga vita

5 dicembre – Psicologia e Vita. Essere chiari con sé stessi (2)

21 novembre – Psicologia e Vita. Essere chiari e onesti con sé stessi

7 novembre – Psicologia e Vita. La felicità è sempre una conquista

17 ottobre – Psicologia e Vita. Come, quando e perchè si manifesta un sintomo

2 ottobre – Psicologia e Vita. La comprensione di sè… in pillole

4 settembre – Psicologia e Vita. Sindrome da rientro dalle vacanze? Che cosa nasconde?!

26 luglio – Psicologia e Vita. Il sottile confine tra accettazione e rassegnazione

10 luglio – Psicologia e Vita. Cos’è un attacco di panico?

19 giugno – Psicologia e Vita. Paura, ansia o attacco di panico?

3 giugno – Psicologia e Vita. La prima regola per non soccombere: darsi valore

24 maggio – Psicologia e Vita. Perdersi… nella relazione di coppia

8 maggio – Psicologia e Vita. Litigi e conflitti di coppia, istruzioni per l’uso

26 aprile – Psicologia e Vita. I segni dell’emotività non espressa

10 aprile – Psicologia e Vita. L’educazione emotiva

27 marzo – Psicologia e Vita. Come costruire un buon rapporto con vostro figlio

13 marzo – Psicologia e vita. Che cosa devo assolutamente dare a mio figlio

27 febbario – Psicologia e vita. Come si fa a credere in sé stessi?

13 febbraio – Psicologia e vita. Cosa vuol dire “Ti amo”?

30 gennaio – Psicologia e Vita. Ecco come ci inganniamo minuto per minuto

16 gennaio – Psicologia e Vita. La paura che non si riesce a vedere

28 dicembre – Psicologia e Vita. “Alla ricerca della felicita’ “

12 dicembre – Psicologia e Vita. Scappa, scappa… ma che accadrà dopo?

28 novembre – Psicologia e Vita. Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?

14 novembre – Psicologia e Vita. Le emozioni non si giudicano

1 novembre – Psicologia e Vita. Emozioni o pensieri… chi detta legge?

17 ottobre – Psicologia e Vita. Come si diventa ciò che si è

3 ottobre – Psicologia e Vita. Dove si nasconde la salute?

15 settembre – Nuova rubrica per LN: “Psicologia e vita”. “Psicologia della vita quotidiana”

Print Friendly, PDF & Email

22 febbraio 2018 — 12:09 / Psicologia e Vita
© Riproduzione riservata

Le news delle ultime 24 ore